Tra le bollicine più apprezzate e richieste oggi dal mercato italiano ci sono, senz’altro, quelle Satèn. Ma cosa sono le bollicine Satèn, quali possono essere chiamate così? e quali sono le caratteristiche?

SATÈN: DI COSA PARLIAMO?

È bene innanzitutto sapere che, quando parliamo di bollicine satèn, ci stiamo rivolgendo al mondo dei vini spumanti (quindi non dei vini frizzanti) ed in particolare agli spumanti prodotti con il Metodo Classico ovvero con la rifermentazione in bottiglia. Ricordiamo in modo molto conciso che ci sono due modi per produrre i vini spumanti: il Metodo Classico e il Metodo Charmat. Come detto poc’anzi il Metodo classico prevede la rifermentazione in bottiglia mentre il metodo Charmat la rifermentazione in autoclave. Lo spumante più conosciuto al mondo prodotto con il metodo classico è senz’altro lo Champagne mentre, in Italia, i metodo classico più noti sono quelli che rispondono alle denominazioni di Franciacorta e Trento Doc. L’esempio più noto di spumante prodotto con il Metodo Charmat, invece, è il Prosecco. Quindi, la prima cosa da sapere quando chiediamo “un Satèn” è che stiamo chiedendo un vino spumante prodotto con il Metodo Classico.

La seconda cosa fondamentale da sapere è che la denominazione Satèn è un’esclusiva degli spumanti Franciacorta Docg. Dunque, per capirci, sapete che se chiedete un satèn state allo stesso tempo chiedendo un Franciacorta. La domanda che a questo punto sorge spontanea è: “Il Satèn è un tipo particolare di Franciacorta?” La risposta è “si”. Il Franciacorta Docg  Satèn è una particolare tipologia di Franciacorta prevista dal disciplinare di produzione. Satèn è anche un marchio registrato dal Consorzio di tutela del Franciacorta.

La genesi di questo nome è interessante. Dopo il regolamento (CEE) n. 2045/89 del 19 giugno 1989 con i quale si riservava la possibilità di usare la denominazione Cremant ai soli spumanti prodotti in Francia, in Franciacorta, dove questo nome era molto usato, si dovette ripensare ad un nome con il quale chiamare gli spumanti che fosse universale e facile da memorizzare. Insieme ad un gruppo di esperti di comunicazione venne scelto il nome Satèn che evocava il termine seta ed era perfetto per esprimere le caratteristiche del vino sia per il mercato nazionale che per il mercato estero.

LE CARATTERISTICHE

Vediamo dunque quali sono le caratteristiche che distinguono il Satèn dagli altri Franciacorta e dagli altri spumanti metodo classico in generale.

Il Satèn  è un Franciacorta prodotto con solo uve a bacca bianca (Blanc de Blancs) Chardonnay e Pinot Bianco (fino ad un massimo del 50%) e si caratterizza per una minore pressione in bottiglia (sotto le 5 atmosfere) rispetto ai normali spumanti. Il Fraciacorta Satèn  può essere prodotto solamente nella tipologia Brut mentre, generalmente, per gli spumanti sono ammessi anche altri dosaggi. Il risultato è uno spumante dal perlage finissimo, persistente e quasi cremoso, che si caratterizza per freschezza e morbidezza. Il Franciacorta Satèn, per le sue caratteristiche, è una bollicina adatta ad accompagnare aperitivi, cene a base di pesce e anche primi piatti a base di verdure.

Ora che sapete tutto sul Francorta Satèn non vi resta che visitare il nostro negozio online e scegliere la vostra bollicina tra la nostra vastissima selezione di spumanti!!

Cin

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri