Nozioni tecniche I Dall'uva al vino

Staff | Didattica Dec 10, 2019

uva

Quante volte vi siete chiesti cosa c'è dietro quel vino che avete nel bicchiere, da cosa derivano i gusti e i profumi tanto apprezzati e che sono così diversi da un vino all'altro.

Beh, la risposta è tutt'altro che semplice. Molte sono le fasi che consentono di passare dall'uva al vino e ancor prima sono molti gli interventi che richiede la vite per generare dei grappoli sostanziosi. 

Sul nostro blog potrete trovare alcune info utili per capire qualche cosa di più sul vasto e affascinante mondo dell'enologia. 

Cominciamo parlando di vite e uva. Certo troppo facile dire che principalmente si può suddividere a seconda del colore dell'acino, bianco o rosso. 

La prima curiosità è che l'uva viene prodotta da un arbusto che nasce dall'unione (innesto) di due piante. L'uva viene infatti ottenuta dalla vite europea, lu cui radici sono vulnerabile alla filossera. Questo parassita ha distrutto gran parte del patrimonio viticolo nella seconda metà dell'800. Le radici della vite americana sono invece resistenti all'attacco di questo parassita. Pertanto si uniscono le radici della vite americana con il fusto della vite europea per ottenere un arbusto resistente e produttivo. Questa tecnica è chiamata innesto. 

Certo anche in questo caso ci sono delle eccezioni. In alcune aree infatti vengono usate piante di vite europea senza il cosiddetto porta innesto. Questo è possibilie unicamente nei luoghi dove la filossera non è presente.

Ecco che la cura e l'attenzione sono necessari sin da quando si decide di piantare la vite, ben prima di cominciare a produrre uva e a fare il vino.

#viticultura #enotechepiave #solocosebuone #filossera #viteeuropea